Skip to Content

Racconti - Storie - Esperienze - Curiosità dei nostri ragazzi

Cosa era per me l'Italia.


Io vivevo in Ucraina in un Internat (orfanotrofio per Voi italiani). Un giorno la mia maestra mi disse che dovevo andare in vacanza in Italia. Nell'inverno del 2003, insieme ad un gruppo di bambini sono partita con l'aereo. Poiché frequentavo la scuola elementare non avevo ancora studiato la geografia e quindi non sapevo che cosa fosse l'Italia. Siccome spesso mi ammalavo, pensai che “Italia” fosse il nome di un ospedale, per cui ero felice, perché nel mio paese in ospedale si conoscono delle persone che ti aiutano e ti portano del cibo. Dopo avere capito che l'Italia era un Stato più sviluppato, sono tornata più volte, fino a quando ho deciso di viverci stabilmente, perché ho trovato le persone che mi hanno voluto bene e mi hanno accolto in famiglia.


La lingua italiana.


Vivere in una nazione straniera non è sempre facile perché si incontrano delle differenze di abitudini , di lingua, di comportamento e anche di leggi. Infatti le prime volte non riuscivo a comunicare perché non capivo la lingua. Piano piano ho cominciato a memorizzare il nome degli oggetti ed ad usare i verbi nei tempi e nei modi giusti, per potere trasmettere le mie necessità. Ancora oggi ho qualche difficoltà di espressione e di scrittura, perché la lingua italiana è completamente diversa dalla mia, essendo la prima di origine latina, mentre la seconda ha origine slovacche, quindi ha più lettere e non ha gli articoli.


Il Cibo.


Ogni persona che va a vivere all'estero incontra delle difficoltà. Nel mio caso, la prima esperienza negativa é stata quella del cibo. Infatti ero abituata a mangiare molte minestre, insalate con delle verdure confezionate a strati e condite con maionese oppure con olio di semi. In Italia il cibo è molto speziato, condito con olio di oliva e quindi ha un gusto più accentuato, mentre io preferisco sapori più delicati. Pur essendo da tanti anni in Italia, non sono ancora riuscita ad adattarmi ai gusti della sua cucina, anche se sono più disponibile ad assaggiare le nuove pietanze.


Diverse Abitudini.


Gli Ucraini sono molto riservati e meno espansivi, per cui difficilmente sorridono e esprimono i loro sentimenti mentre gli Italiani hanno spesso in pubblico manifestazioni di affetto che esternano con abbracci, baci e spesso ho provato un certo fastidio, anche se piano piano mi sto adattando alla situazione. Infatti con il passare del tempo ho capito che questo è un modo di esprimere l'affetto nei miei confronti. Uno degli aspetti positivi che ho riscontrato é la generosità nell'offrire regali e festeggiamenti in molte occasioni, forse perché questo paese é ricco di prodotti e di luoghi di divertimento. A causa di questo pensavo che l'Italia, essendo uno Stato ricco potesse offrire un lavoro e una vita agiata a tutti. Invece, purtroppo, in questi ultimi anni si sente parlare di crisi, e molte persone hanno difficoltà a trovare una occupazione e a vivere serenamente. Spesso gli stranieri pensano di emigrare in un luogo più sviluppato per ottenere una vita migliore, senza prevedere che ogni nazione ha, invece, i suoi aspetti positivi e negativi.


la prima volta che sono venuta in Italia avevo 10 anni oggi in questo Paese io ci vivo