Skip to Content

Cinque per Mille

Tipo Progetto: 
Cinque per mille
Progetto Numero: 
Come donare il 5 x 1000
Aperto il: 
2005

 

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Visto l'articolo 1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che prevede per l'anno finanziario 2006, a titolo sperimentale, la destinazione in base alla scelta del contribuente di una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche a finalità di sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni ……..

Art. 3

(Modelli di dichiarazione per la destinazione del 5 per mille)

1. I contribuenti effettuano la scelta di destinazione del 5 per mille della loro imposta sul reddito delle persone fisiche, relativa al periodo di imposta 2006, utilizzando :
il modello integrativo CUD 2008,
il modello 730/1-bis redditi 2007,
ovvero il modello unico persone fisiche 2008.
2. Il modello integrativo CUD 2008è consegnato dal datore di lavoro al lavoratore insieme al modello CUD 2008. Il modello integrativo CUD 2008, contenente la scelta di destinazione del 5 per mille, è consegnato, insieme al modello CUD 2008, secondo le stesse modalità previste per la destinazione dell'8 per mille di cui alla legge 20 maggio 1985, n. 222.

3. Il modello integrativo CUD 2008 ed il modello 730/1-bis redditi 2007 sono conformi ai facsimile allegati 3 e 4 al presente decreto. Il modello unico persone fisiche 2008è predisposto dalla Agenzia delle entrate in modo da consentire al contribuente la destinazione del 5 per mille della sua imposta sul reddito, relativa al periodo di imposta 2007, conformemente a quanto stabilito con il presente decreto. I modelli 730/1-bis redditi 2007 e unico persone fisiche 2008 sono presentati secondo le vigenti modalità.

Art. 4

(Destinazione del 5 per mille)

1. Il contribuente può destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche, relativa al periodo di imposta 2007, apponendo la firma in uno dei quattro appositi riquadri che figurano nei modelli di cui all'articolo 3, corrispondenti rispettivamente alle quattro finalità individuate dall'articolo 1, comma 337, della legge n. 266 del 2005. Può essere espressa una sola scelta di destinazione.

2. Nei riquadri corrispondenti alle finalità di cui alle lettere a), b) e c) del comma 337 dell'articolo 1 della legge n. 266 del 2005 i contribuente, oltre all'apposizione della firma, può altresì indicare il codice fiscale dello specifico soggetto cui intende destinare direttamente la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche. In tal caso, il codice fiscale è tratto dagli elenchi di cui agli articoli 1 e 2.

3. La scelta di destinazione del 5 per mille di cui al presente decreto e quella dell'8 per mille di cui alla legge n. 222 del 1985 non sono in alcun modo alternative fra loro.

Art. 5


(Riparto del 5 per mille)

1.
Ai soggetti di cui alle lettere a), b) e c) del comma 337 dell’articolo 1 della legge n. 266 del 2005, definitivamente individuati ai sensi degli articoli 1 e 2, spettano le quote del 5 per mille loro direttamente destinate dai contribuenti che, oltre ad aver apposto la firma ai sensi dell’articolo 4, comma 1, hanno altresì indicato il codice fiscale dei soggetti ai sensi del comma 2 del medesimo articolo. Ai comuni spettano le quote del 5 per mille dei contribuenti che in essi risiedono e che hanno apposto la loro firma, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, nel riquadro corrispondente alla finalità di cui alla lettera d) del comma 337 dell’articolo 1 della legge n. 266 del 2005.
2. Fuori dai casi di cui al comma 1, ovvero nei casi di cui al comma 1 relativamente ai quali l’indicazione del codice fiscale risulta errata, le somme corrispondenti al complesso delle quote del 5 per mille destinate dai contribuenti, con la loro firma, ad una delle finalità di cui alle lettere a), b) e c) del comma 337 dell’articolo 1 della legge n. 266 del 2005 sono ripartite, nell’ambito delle medesime finalità, in proporzione al numero complessivo delle destinazioni dirette, espresse mediante apposizione del codice fiscale, conseguite da ciascuno dei soggetti di cui alle medesime lettere a), b) e c).

  NOTA BENE:


Per coloro che rientrano nelle categorie di Contribuenti esonerati dall'obbligo della dichiarazione dei redditi , è comunque possibile scegliere di destinare il 5 per mille dell'IRPEF, utilizzando la
" SCHEDA PER LA SCELTA DELLA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL'IRPEF" allegata al modulo CUD .
La scheda dovrà essere firmata nel riquadro che riguarda le associazioni e nel rigo sottostante dovrà essere indicato il codice fiscale 92033320018 corrispondente a "Chernobyl2000" Tale scheda dovrà poi essere riposta in busta chiusa, recante l'intestazione " SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL'IRPE F", il cognome, il nome e il codice fiscale del Contribuente. La busta dovrà essere presentata allo sportello di una banca o di un ufficio postale o, più semplicemente, potrà essere presentata ad un CAAF (Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale), al commercialista o a chiunque sia abilitato.