Skip to Content

Estate 2006 primo viaggio

Tipo Progetto: 
Soggiorni di risanamento
Progetto Numero: 
3806A
Aperto il: 
2006/02
Chiuso il: 
2006/06

La nostra famiglia si sta allargando! Saranno trentacinque i bambini e ragazzi ospitati quest'estate da altrettante famiglie che hanno aderito con grande generosità al nostro progetto. Un ottimo risultato, raggiunto proprio a venti anni dall'incidente alla centrale nucleare di Chernobyl. Non è aumentato soltanto il numero dei bambini, bensì anche la durata dell'ospitalità. Anche la nostra associazione, infatti,  approfitterà della nuova norma che regola i soggiorni dei bambini ucraini in Italia per motivi di risanamento, e che allunga il periodo dai 90 giorni all'anno finora autorizzati ad oltre 120 giorni. Per alcuni dei bambini ospitati, dunque, si tratterà di un soggiorno di tre mesi, da domenica 3 giugno a giovedì 31 agosto; per altri, circa la metà, la data di arrivo è come sempre all'inizio di luglio (domenica 2) e la partenza il 31 agosto. Molti i bambini che viaggiano per la prima volta, ben quattordici.
Anche la provenienza dei piccoli ospitati, quest'anno, si è diversificata: non più soltanto l'istituto di Lobatin, ma anche quello di Novograd Volinskyy .

La nostra associazione ha deciso infatti, visto il gran numero di famiglie “nuove” desiderose di unirsi a noi per aiutare bambini soli o in difficoltà, di aprirsi alla collaborazione anche con altri istituti. Si tratta in questo caso di un istituto sito nella regione di Zitomir.

Ormai le nostre famiglie, grazie anche al sito internet che riesce a costituire un buon tramite di comunicazione e scambio, hanno superato il confine provinciale: oltre a Torino e provincia, contiamo famiglie ospitanti nel cuneese, nel canavese, nel milanese. Benvenuti tra noi!

Mano mano che avremo maggiori dettagli sul viaggio estivo, li pubblicheremo sul sito. A tutti ricordiamo il convegno previsto per il 6 maggio, a Borgaro Torinese, dal titolo “L'erba amara di Chernobyl”, un'opportunità di riflessione sui problemi innescati dall'incidente alla centrale nucleare e su quanto si è fatto in questi venti anni a sostegno delle popolazioni colpite.

E VIA CON I PRIMI!!!

Il primo gruppo dei nostri bambini è arrivato regolarmente il 3 giugno: sono in diciassette, accompagnati dal giovane Ruslan. Di questi 17, tredici sono ospitati dall'internat di Lubotin, 2 provengono dall'Istituto per Ipovedenti di Karkov e altri due dal nuovo istituto con cui da quest'anno lavoriamo, Novograd Volinsy. Tre viaggiano per la prima volta: sono i due ragazzi di Novograd e uno dei bambini di Karkov. Tutti gli altri sono già stati accolti in Italia e non vedevano l'ora di tornare.

Sappiamo bene che tutti loro hanno alle spalle situazioni familiari difficili, se non drammatiche, e comunque un'infanzia segnata dalla solitudine e dall'abbandono. Però per tre mesi dimenticheranno tutto, e il nostro augurio è che, come tanti altri bambini e ragazzi ospitati da famiglie della nostra associazione, trovino in Italia quel calore, quel conforto e quell'affetto che permetterà loro di vivere meglio anche il resto dell'anno nei rispettivi istituti.

Adesso aspettiamo il secondo gruppo, il cui arrivo è previsto per domenica 2 luglio. In questo secondo gruppo, 2 ragazze hanno già viaggiato diverse volte, ma per tutti gli altri si tratta della prima o della seconda volta.